PRESENTAZIONE DELLA GIORNATA Il GISOS sbarca a Milano il primo Dicembre 2018 per il suo Secondo Congresso Nazionale.
Il titolo scelto: CHIRURGIA RICOSTRUTTIVA E RIABILITATIVA DELLA MANDIBOLA fa seguito ad un precedente evento del 2002 con la finalità di aggiornarne i risultati dopo 15 anni di esperienze cliniche applicate. I lavori di quelle giornate furono presieduti dal Prof. Giuseppe Scolari, indimenticato primario emerito del Niguarda – Cà Granda, che oggi non è più tra noi e che ricordiamo e commemoriamo con estrema commozione. Molta acqua è passata sotto i ponti della chirurgia orale e maxillo-facciale. Il progresso tecnologico infatti è tumultuoso ma spesso poco trasparente e nasconde insidie anche tra le più appariscenti innovazioni. L’avvento di nuove tecnologie, se da un lato ha ampliato le possibilità diagnostiche, di apprendimento e terapeutiche nel campo delle patologie trattate, dall’altro ha reso ancora più stringente la necessità di saper scegliere con cura tra le molteplici e non sempre consolidate opzioni a nostra disposizione. Alcune tecniche che nel 2002 parevano poter risolvere stabilmente i nostri problemi sono state praticamente abbandonate. Altre soluzioni, soprattutto quelle che comportano un minor costo biologico per il Paziente, sono oggi all’avanguardia, con benefici che si ripercuotono sul reinserimento sociale dei Pazienti edentuli e/o menomati da esiti chirurgici o malformativi. La chirurgia protesico-sostitutiva, che in altri campi della Medicina è applicata estensivamente da molti anni, sembra stia raggiungendo validi risultati anche nel distretto della mandibola. Ci è parso quindi importante riallacciarci alla nostra precedente esperienza del 2002 per gettare uno sguardo nel futuro basandoci su una seria ed attenta valutazione dei risultati ottenuti negli ultimi 15 anni con le alternative terapeutiche proposte. Seguendo la formula consolidata nel GISOS il congresso è rivolto sia a Medici Chirurghi, Specialisti e non, sia a Odontoiatri e Chirurghi Orali, sia a tutti coloro che coltivano interesse nella patologia. Dalle relazioni e dal confronto che ne scaturirà contiamo di far emergere indicazioni attuali condivise sulle numerose tecniche presentate nel tentativo di uniformare e rendere il più possibile predicibili le nostre terapie. Ciò che ci unisce è la prospettiva e l’intento di migliorare la Salute del Paziente.

 

SCARICA IL PROGRAMMA